Home Ferramenta News AL LIDO DI VENEZIA APRE IL MULTISTORE ETICO SPECIALIZZATO IN EDILIZIA
AL LIDO DI VENEZIA APRE IL MULTISTORE ETICO SPECIALIZZATO IN EDILIZIA

AL LIDO DI VENEZIA APRE IL MULTISTORE ETICO SPECIALIZZATO IN EDILIZIA

45
0

Perfetta integrazione nel territorio lagunare, collaborazione con i migliori brand del settore e rispetto dei codici etici del progetto Green Lido, sono alcune delle peculiarità di una azienda storica veneziana giunta alla terza generazione.

 La storia dell’azienda Tiso Alfredo è legata intrinsecamente alla Laguna di Venezia dove inizia nel 1952 come costruttore e si evolve in un percorso dove gioca un ruolo da protagonista in tutte le più importanti opere di salvaguardia, consolidamento e arricchimento del patrimonio edilizio e infrastrutturale dell’area lagunare. Dopo l’alluvione, l’impresa edile si trasforma e continua ad operare nella produzione e distribuzione di calcestruzzo fresco e nella vendita di materiali da costruzione continuando a rispondere alle mutevoli richieste di un mercato che ha la peculiarità di operare a Venezia.

L’azienda ha infatti fornito calcestruzzo e materiali edili per la realizzazione delle difese a mare del Lido di Venezia, progetto Murazzi, il risanamento e l’innalzamento delle rive nella città storica progetto Insula, la costruzione della nuova porta di accesso del Lido, il recupero morfologico delle rive e il ripristino dei marginamenti, collaborando con il Consorzio Venezia Nuova. Ha partecipato alla realizzazione dei più importanti progetti immobiliari del Lido, la ricostruzione del Teatro La Fenice, e in numerosi altri cantieri ha saputo far valere la propria esperienza pluridecennale collaborando così al successo dei propri Clienti. La Tiso Alfredo e Figli ha fornito tutti i calcestruzzi speciali per il cantiere delle dighe mobili progetto M.O.S.Ebocca di Lido e per il progetto di riqualificazione del piazzale del Casinò del Lido di Venezia.

La produzione e distribuzione di calcestruzzo fresco preconfezionato è senz’altro il fiore all’occhiello dell’azienda che, nell’ultimo decennio, ha visto crescere il proprio parco macchine allo stesso passo della propria esperienza, acquisendo nuovi mezzi di trasporto sia stradali che acquei, in grado di raggiungere qualsiasi punto della laguna di Venezia per poter fornire un servizio ancora più completo al proprio mercato. Tiso Alfredo e Figli è anche portabandiera di principi etici legati alla sostenibilità di impresa aderendo al progetto Green Lido presentato quest’anno alla Mostra del Cinema di Venezia.

Oggi l’azienda ha inaugurato un importante multistore a Venezia Lido, specializzato in edilizia e colore con la collaborazione dei brand leader della produzione e della distribuzione ferramenta ed edilizia.

Ne parliamo con Marianna Tiso, amministratricee terza generazione della famiglia in azienda.

Come nasce il progetto di aprire un negozio ferramenta a Venezia Lido?

Siamo molto radicati nel territorio isolano perché siamo un’azienda con una lunga e importante storia e quindi la scelta di una presenza qui è stata naturale. Più che un negozio di ferramenta tradizionale, si tratta di un multistore nato dall’esigenza di fornire ai nostri clienti, tradizionalmente imprese edili, un servizio e una gamma prodotti sempre più completo. L’evento di inaugurazione ha visto la presenza di personalità di prestigio del mondo politico e confindustriale del territorio: il sindaco di Venezia Brugnaro, il presidente Marinese di Confindustria Venezia e Rovigo, l’assessore al Bilancio e l’assessore alle Politiche sociali del Comune di Venezia, l’ex sindaco Ugo Bergamo e mi piace pensare sia grazie alla lunga storia di serietà ed etica nel fare impresa di Tiso Alfredo e Figli.

Come si inserisce il multistore nel territorio in cui operate?

Come ricordavo, l’azienda opera al Lido di Venezia da oltre 65 anni e siamo un punto di riferimento per l’edilizia isolana. Lavorare in un’isola è molto complicato con tempi e modalità di approvvigionamento delle merci che sono molto particolari. Da noi, sia l’impresa sia il privato, trova il giusto prodotto e la competenza necessaria per la sua attività. Per quanto concerne la particolare zona in cui operiamo, condizionata dal turismo e dalla prestigiosa Mostra del Cinema, ne siamo coinvolti in maniera molto marginale essendo in una zona abbastanza riparata dai flussi maggiori e dalla kermesse. Siamo però promotori di un progetto che sarà presentato alla Mostra – Green Lido – un progetto di sostenibilità inteso come modo di essere e come modello produttivo aderendo ad una serie di protocolli etici che guidano il nostro essere impresa.  Il progetto Green Lido nasce come proposta di un turismo metropolitano sostenibile e per un riposizionamento del Lido di Venezia nei mercati nazionali ed internazionali. L’obiettivo è quello di sviluppare una nuova immagine esaltando le bellezze paesaggistiche del territorio e costruendo un’ampia offerta di prodotti artigianali, culturali, alimentari e turistici basati sulla ricerca del viver sano, del prendersi cura di sé, degli altri e dell’ambiente. Aderire a questo progetto, comporterà per le aziende, le associazioni, ma anche per i semplici cittadini, mettere in atto, gradualmente, comportamenti coerenti con i valori espressi nella lettera di intenti Green Lido e nella futura Carta Verde.La salvaguardia dell’ambiente che ci circonda è una priorità per la nostra azienda che sente il dovere di tutelare la salute dei suoi lavoratori, clienti e dell’ecosistema in cui viviamo. La nostra azienda ha sviluppato questa sensibilità grazie alla suaconsapevolezza di essere in un’oasi verde tra mare e laguna. E’ per questo che Tiso Alfredo & Figli mette a disposizione dei clienti prodotti eco-sostenibili/eco-compatibili ottenuti mediante procedure che rispettano l’ambiente, oltre che a garantire un corretto smaltimento dei rifiuti, destinati al riciclo nel più totale rispetto dell’ambiente. Questo perché l’azienda è pienamente convinta che il rispetto del territorioequivale a rispettare sestessi e il prossimo.Forti di questa convinzione, la Tiso Alfredo e Figli si sta attivando per il recupero e il riciclo del materiale conferito a discarica da poter riutilizzare nel confezionamento del calcestruzzo per non erodere le nostre risorse naturali quali ghiaia e sabbia, il funzionamento dei macchinari verrà alimentato da pannelli fotovoltaici e infine verrà riutilizzata l’acqua sia quella di lavaggio dei mezzi, sia quella raccolta durante le giornate di pioggia, il tutto trattato per rispettare l’ambiente che ci circonda.

Come è organizzato il vostro nuovo punto vendita?

Il punto vendita dispone di un’ampia superficie di 350 metri quadri suddiviso per reparti corrispondenti a categorie merceologiche: giardinaggio, elettrica, idraulica, automotive, ferramenta, edilizia professionale, pitture e tintometro, servizio duplicazione chiavi e serrature. Inoltre presenta isole personalizzate con le marche leader del settore: Kerakoll, Mapei e fischer e Fassa per l’edilizia e colore, Machieraldo per la ferramenta classica, Hitachi/Hikoki, Bosch, Makita solo per citarne alcuni. Nelle aree di servizio, disponiamo del tintometro per preparare tinte su campione richiesto e offriamo duplicazioni chiavi con le macchine elettroniche più innovative per residenziale e automotive. In azienda sono presenti 12 dipendenti.

Un nuovo negozio, quali scelte di layout sono state privilegiate?

Il punto vendita è stato progettato con particolare cura nel design con la scelta di materiali naturali, legno e la scelta di facciate di vetro continua per un’illuminazione a luce naturale. Il layout interno è stato studiato per la migliore esperienza di percorso per i clienti ben equilibrato con aree self-service e un ampio bancone per la vendita assistita del nostro personale di vendita dedicato.

(…continua nel numero di Ferrutensil in distribuzione)

 

Alessandra Fraschini Giornalista professionista specializzata nel canale ferramenta tradizionale e analisi della filiera lunga. Collabora con testate leader e con enti fiera internazionali. È autrice del volume "I protagonisti della ferramenta italiana. Il mondo grossista negli ultimi cent’anni".