Home Mercato Attualità Andrea Colzani nuovo presidente dell’alta scuola di formazione del terziario
Andrea Colzani nuovo presidente dell’alta scuola di formazione del terziario

Andrea Colzani nuovo presidente dell’alta scuola di formazione del terziario

6
0

La scuola, a Milano in viale Murillo, assieme al Capac Politecnico del Commercio e del Turismo e ad Innovaprofessioni costituisce il polo formativo che fa riferimento a Confcommercio Milano, Lodi, Monza e Brianza.

 

Andrea Colzani  è il nuovo presidente di Formaterziario (già Scuola Superiore del Commercio, del Turismo, dei Servizi e delle Professioni con una storia lunga 37 anni), l’alta scuola di formazione – a Milano, in viale Murillo 17 – che, assieme al Capac Politecnico del Commercio e del Turismo e ad Innovaprofessioni – costituisce il polo formativo che fa riferimento a Confcommercio Milano, Lodi, Monza e Brianza.

 

Formaterziario nell’ultimo anno ha erogato 85 mila ore di formazione ed e-learning per 24mila utenti fra lavoratori dipendenti, imprenditori, manager e liberi professionisti. Gli ambiti formativi delle aziende che si rivolgono a Formaterziario riguardano, in particolare: revisione e consulenza, settore finanziario/assicurativo, distribuzione commerciale, servizi alle imprese e alle persone.

 

Andrea Colzani, eletto presidente per il mandato 2021-2026 dall’assemblea di Formaterziario (che ha rinnovato anche il Consiglio), succede a Maria Antonia Rossini.

 

41 anni, brianzolo, imprenditore nel retail, Andrea Colzani, è presidente dei Giovani Imprenditori di Confcommercio (e del Gruppo Giovani Imprenditori di Confcommercio Milano, Lodi, Monza e Brianza) ed è responsabile nazionale Confcommercio per la formazione.

 

Formaterziario, e ringrazio Maria Antonia Rossini per l’intenso lavoro svolto in questi anni, è un’eccellenza della formazione – afferma ColzaniSiamo molto attivi anche nella formazione e nell’avvio al lavoro dei giovani”: con il corso di laurea e master (gestione imprese commerciali e commercio estero) in collaborazione con l’Università Cattolica e percorsi tecnici di alta formazione post-diploma. “Sono 300 – spiega – gli inserimenti lavorativi all’anno tra tirocini e contratti di apprendistato”.