Home Mercato Attualità Apre oggi Green Pea, il retail park della sostenibilità
Apre oggi Green Pea, il retail park della sostenibilità

Apre oggi Green Pea, il retail park della sostenibilità

75
0

Il nuovo progetto di Farinetti (patron di Eataly) sviluppato su un’area di 15.000 mq, apre a Torino Lingotto all’insegna del Green Deal e del rispetto per l’ambiente.

 

L’impronta green del parco commerciale è evidente fin dal simbolico nome:  green pea, pisello verde. L’intero edificio di Green Pea è sostenibile in ogni suo minimo dettaglio.

 

Il primo Green Retail Park al mondo dedicato al tema del Rispetto. 15.000 m2 su 5 piani: il luogo in cui i prodotti sostenibili – creati in armonia con la Terra, l’Aria, l’Acqua e le Persone – non sono un dovere, ma diventano un piacere“.

 

Con  66 negozi, suddivisi su 6 piani (suddivisi tra Life, Home, Fashion, Beauty, Otium) un museo, il Green Pea Discovery Museum, 3 luoghi di ristorazione, una piscina, una spa e un club dedicato all’Ozio Creativo, con  la prima infinity pool di Torino affacciata sull’arco alpino.

 

Complessivamente 72 luoghi dedicati alla bellezza e al rispetto per l’ambiente.

 

Nel reparto Home, oltre 40 partner  selezionati nel complemento di arredo e nei sistemi per l’abitare del design sostenibile.

 

La struttura fa capo a Green Pea srl, una newco, 90% della Eatinvest spa, (con le famiglie Farinetti 60% e Nocivelli 20%, e 10% Orecchia) e con Presidente e Ad   Francesco Farinetti, figlio del fondatore.

 

L’edificio Green Pea è di proprietà della Eataly Real Estate srl, società proprietaria, tra gli altri, degli immobili di Eataly Ostiense Roma e Eataly Smeraldo Milano, realizzato grazie a un investimento di 50 milioni di euro.

 

Riteniamo che, in un modello sociale basato sui consumi, occorra indirizzare il commercio verso valori utili al benessere vero, il quale può esistere solo se in equilibrio con gli altri umani – spiega l’azienda-. Green Pea nasce si pone l’obiettivo di dimostrare che vi è la possibilità, subito, di vivere in armonia con il pianeta senza rinunciare al bello”.