Home Ferramenta Lab Big data, la nuova valuta per conoscere il consumatore
Big data, la nuova valuta per conoscere il consumatore

Big data, la nuova valuta per conoscere il consumatore

10
0

La nuova ‘materia prima’ dei big data è stata rielaborata attraverso le tecniche classiche di ricerca, un’analisi fattoriale e una definizione dei cluster.

 

“I dati oggi rappresentano la nuova valuta, infinitamente più precisa e definita di quanto mai accaduto in precedenza, oltre che in continuo mutamento”.

 

L’enorme quantità di informazioni digitali sul comportamento di navigazione e ricerca degli italiani è stata la materia prima utilizzata da GroupM, media holding del gruppo WPP, per poter ricostruire l’idenkit dell’Italia. Oltre 50 milioni di interazioni giornaliere e più di 360 categorie di interessi hanno permesso di innovare e ridefinire i confini della ricerca di base, elaborando informazioni per integrare metodi di ricerca (sino ad oggi probabilistici) con approcci innovativi e scientifici.

 

Ne è emersa una fotografia interessante presentata in occasione del recente IAB Forum da Roberto Binaghi, VP Vision GroupM Italy e Massimo Russo, direttore generale della Divisione Digitale di GEDI Gruppo Editoriale.

 

La nuova ‘materia prima’ dei big data è stata rielaborata attraverso le tecniche classiche di ricerca, un’analisi fattoriale e una definizione dei cluster, per restituire l’affresco dell’Italia di oggi.

 

Fino a ieri per capire i comportamenti e gli interessi delle persone era necessario interrogarle innescando in loro un naturale meccanismo di difesa. – ha commentato Roberto Binaghi – Oggi, invece, possiamo partire da quello che le persone fanno, per capire chi sono. Senza schermi e senza maschere”.

 

La popolazione italiana è stata suddivisa in otto cluster: dai segmenti più avanguardistici nell’utilizzo della rete, rappresentati dalle élite digitali a quelli più mainstream che fanno un uso semplice e meno assiduo del digitale con sotto diverse realtà che differenziano le loro navigazioni in base ai  diversi interessi predominanti (economia famigliare, socializzare, vita privata ecc.). Tra i parametri presi in analisi: quantità del tempo speso online ed eterogeneità degli interessi navigati, a dimostrazione del fatto che il fattore tempo e l’interesse di navigazione rappresentano oggi caratteristiche peculiari per capire l’individuo italiano.

 

Un affresco che si traduce in un quadro operativo che mette a disposizione di GroupM oltre 4.500 segmenti di audience pronti a essere pianificati: dai life-stage alla fruizione media, dalle micro-tendenze ai fenomeni stagionali.

 

Ha concluso Massimo Russo: “I dati oggi rappresentano la nuova valuta, infinitamente più precisa e definita di quanto mai accaduto in precedenza, oltre che in continuo mutamento. La parte abitata della rete racconta di noi anche ciò che non sappiamo o che non ci rendiamo conto di essere”.

 

Alessandra Fraschini Giornalista professionista specializzata nel canale ferramenta tradizionale e analisi della filiera lunga. Collabora con testate leader e con enti fiera internazionali. È autrice del volume "I protagonisti della ferramenta italiana. Il mondo grossista negli ultimi cent’anni".