Home Mercato Canese Dante prosegue l’attività per il servizio alla filiera
Canese Dante prosegue l’attività per il servizio alla filiera

Canese Dante prosegue l’attività per il servizio alla filiera

86
0

Canese Dante, grossista specializzato in sicurezza de La Spezia continua l’attività di distribuzione nel rispetto delle norme di sicurezza per dipendenti e clienti. Aperto anche il punto vendita storico con orario ridotto. “Siamo aperti anche perché è un dovere sociale”.

 

Canese Dante prosegue nell’attività per dare un servizio e continuità ai negozi che sono ancora aperti, che si rivolgono a noi come un punto di riferimento e un presidio territoriale per chi ha necessità di beni di primari – sottolinea Massimiliano Canese – nella speranza di un futuro più sereno e lavorando con una marginalità molto ridotta. Operiamo naturalmente nel principio primario della sicurezza dei lavoratori: le attività come la nostra, medio-piccole, hanno la possibilità di garantire le distanze di sicurezza imposte nel decreto Covid-19. I nostri negozi clienti ancora aperti, meno del 30% secondo la mia personale percezione, lavorano a loro volta nel rispetto della sicurezza, con aperture calmierate, orari parziali e presenze dei collaboratori ridotte a volte al solo titolare.

 

In questi giorni, si vendono quasi esclusivamente beni di primaria necessità come DPI, mascherine guanti e occhiali di protezione, prodotti disinfettanti e igienizzanti come gel e liquidi, e per la pulizia professionale.

 

E’ per questo che trovo giusto che siano presenti dei presidi adeguati nel territorio: le ferramenta sono idonee a svolgere questa funzione perché vendono prodotti indispensabili per garantire sicurezza delle persone dell’abitazione, difficilmente reperibili altrove. Siamo aperti perché è anche un dovere sociale esserci.

 

Per il dopo emergenza, ci aspettiamo degli interventi pesanti di sostegno dal Governo e dal sistema creditizio nazionale e internazionale per il sostegno della filiera o molte piccole attività non riusciranno a ripartire”.