Home Mercato Attualità Coronavirus negli USA: le ferramenta restano aperte come ‘servizi essenziali per la comunità’
Coronavirus negli USA: le ferramenta restano aperte come ‘servizi essenziali per la comunità’

Coronavirus negli USA: le ferramenta restano aperte come ‘servizi essenziali per la comunità’

209
0

Anche negli USA i negozi di ferramenta sono considerati rivenditori di ‘servizi essenziali’ e possono tenere aperto in deroga alle restrizioni al commercio.

 

L’epidemia di Coronavirus si sta allargando in tutto il Mondo, con qualche settimana di ritardo rispetto alla Cina e poi all’Italia, ma con effetti del tutto simili, sia nel numero di contagiati, ricoverati e deceduti, sia nei provvedimenti presi dai Governi per arginarne la diffusione.

 

In particolare, gli USA sembrano destinati a diventare a breve il principale focolaio mondiale del virus e come in Italia si sta assistendo ad un’escalation di misure restrittive per gli spostamenti delle persone, per l’operatività delle aziende e per l’apertura delle attività commerciali.

 

La decisione di queste misure non è di competenza del Governo Federale, bensì dei singoli Stati: nel momento in cui scriviamo 32 Stati (ma se ne aggiungono ogni ora) hanno dichiarato lo stato di emergenza con restrizioni per il commercio e diffuso una lista di attività che possono operare in deroga a tali provvedimenti.

 

In tutti i casi nella lista sono comprese le ferramenta, che vengono considerate ‘servizi essenziali per la comunità’.

 

Già nei giorni scorsi, la NRHA (North American Retail Hardware Association) l’associazione dei commercianti di settore a cui fanno capo oltre 35.000 negozi, aveva diffuso un comunicato elencando le molte categorie di prodotti vendute nel canale ferramenta indispensabili per la popolazione a maggior ragione nei momenti di emergenza come quello attuale.