Home Mercato Il gruppo Pinto in una fusione che potenzierà due eccellenze italiane
Il gruppo Pinto in una fusione che potenzierà due eccellenze italiane

Il gruppo Pinto in una fusione che potenzierà due eccellenze italiane

236
0

Il Gruppo Pinto verso la creazione del progetto “Foro Finestra” con una acquisizione strategica.

Il gruppo Pinto acquisisce Bolis Carlo S.r.l. in una fusione che potenzierà due eccellenze italiane, in grado di offrire una gamma innovativa di soluzioni nel mondo degli oscuranti e della movimentazione degli stessi.Il gruppo Pinto, dopo aver acquisito un marchio importante come Gardesa Oscuranti nel 2021, accoglie un’importante realtà storica come Bolis, protagonista del settore degli accessori e dei componenti per avvolgibili e tende da sole da 70 anni. “La nostra visione – hanno commentato Nicola ed Angelo Pinto, rispettivamente ceo e general Manager della Pinto S.r.l. – è quella di dare valore alle aziende che hanno saputo farsi protagoniste del Made in Italy, mantenendone l’identità e la libertà, ma integrando le singole eccellenze”.

Stefano Bolis, confermato alla guida dell’azienda di Calusco d’Adda (BG), ha espresso grande entusiasmo per questa nuova fase. <<Entrare a far parte del Gruppo Pinto, offre enormi opportunità. Insieme, possiamo sfruttare al meglio le nostre competenze complementari per fornire soluzioni ancora migliori al mercato>>. Le due aziende manterranno la propria libertà operativa ed identità professionale condividendo la stessa strategia.

 

Questa acquisizione anticipa un’innovazione nel mondo del “Foro Finestra” nel corso dei prossimi mesi, grazie ad un progetto che ha l’obiettivo di utilizzare tecnologie avanzate e il know-how per accelerare lo sviluppo di nuovi prodotti e soluzioni. Con il progetto “Foro Finestra”, Pinto e Bolis offrono ai propri clienti una gamma unica nel suo genere, realizzato per soddisfare esigenze specifiche nel mercato di riferimento in continua evoluzione.  L’obiettivo è crescere insieme, piuttosto che optare per soluzioni più immediate e meno lungimiranti come vendere a grandi gruppi esteri o delocalizzare la produzione. Proprio questo comune denominatore ha permesso di trovare una immediata intesa tra le due realtà. Un connubio tra innovazione tecnologica, qualità, esperienza ed eccellenza del Made in Italy che unisce Pinto e Bolis.