Home Mercato Attualità eBay e la sua community donano 300.000 euro alla Croce Rossa Italiana
eBay e la sua community donano 300.000 euro alla Croce Rossa Italiana

eBay e la sua community donano 300.000 euro alla Croce Rossa Italiana

36
0

Il marketplace internazionale e la sua community si mobilitano per affrontare insieme l’emergenza Coronavirus.

 

eBay donerà direttamente oltre 300mila euro alla Croce Rossa Italiana, sostenendo gli sforzi di chi lavora ogni giorno senza sosta per aiutare chi è in difficoltà. La donazione permetterà di acquistare materiali sanitari per gli ospedali e le strutture italiane che più ne hanno bisogno. Questa donazione si aggiunge agli aiuti forniti da eBay a Fondation de France in Francia e a MSF – Medicos Sin Fronteras in Spagna, per un totale di circa 1 MLN di euro.

 

Anche la community dei venditori di eBay sta dando il proprio contributo come dimostra la storia di Luca Proietto, titolare di Prochim, specializzata nella vendita all’ingrosso di detergenti professionali, plastica e carta: “Qualche giorno fa ci è arrivato un ordine per Dispositivi di Protezione Individuale su eBay. Ci siamo accorti che l’ordine non veniva da un semplice utente ma dagli Spedali Civili di Brescia, una delle strutture ospedaliere in prima linea nell’emergenza Coronavirus. Insieme ad eBay ci siamo subito attivati per far sì che la merce arrivasse quanto prima e siamo stati in grado di spedire circa 60.000 dispositivi di protezione, come copri scarpe e tute. Il costo della merce è stato interamente coperto eBay, senza nessuna spesa per l’Ospedale di Brescia”.

 

 

Donazione fatta anche da Alessandro Samà, CEO di BricoBravo, che in collaborazione con eBay ha donato 1000 mascherine e 250 tute alla Caritas di Roma e 1000 maschere chirurgiche al reparto oncologico pediatrico Ospedale di Varese. “Oggi più che mai la sicurezza è al primo posto e riteniamo necessario poter contribuire destinando materiali di protezione a chi sta offrendo supporto alle persone più svantaggiate in questa emergenza sanitaria e a chi in prima linea la combatte. Abbiamo accolto immediatamente il valore dell’iniziativa lanciata da eBay e, grazie a questa collaborazione solidale, ci siamo messi in contatto con la Caritas di Roma per donare mascherine e tute ai loro volontari permettendogli così di svolgere il loro prezioso lavoro in totale sicurezza. Abbiamo inoltre donato 1000 maschere chirurgiche all’Ospedale di Varese per aiutare i medici del reparto oncologico pediatrico”.

 

Nel contesto dell’emergenza Coronavirus, l’eCommerce rappresenta anche un’opportunità fondamentale per le imprese italiane che stanno subendo anche le conseguenze economiche dell’emergenza. Data la possibilità di proseguire le attività di commercio online, confermata dalle disposizioni governative, molte aziende hanno deciso di aprirsi all’eCommerce, tanto che eBay ha registrato un +40% di nuovi venditori professionali a marzo 2020 rispetto a marzo 2019

 

 

Tante le offerte e le agevolazioni messe in campo dal marketplace, iniziative inserite all’interno del portale di Solidarietà Digitale creato dal Ministro dell’Innovazione, per poter raggiungere un numero ancora più alto di imprese.

 

In un momento così complesso in cui le imprese italiane sono poste sotto forte pressione, la nostra priorità è quella di aiutarle con ogni mezzo possibile. eBay è una community di oltre 35.000 venditori professionali in Italia e abbiamo registrato una crescita forte proprio a marzo 2020, segno di come molte PMI stiano cogliendo questa opportunità in un momento così difficile. Il nostro obiettivo è quello di supportarle concretamente per far sì che l’eCommerce rappresenti per loro una risorsa anche nel medio e lungo periodo”, afferma Sara Cendaroni, Head of Sales and Trading di eBay in Italia. Il nostro impegno è rivolto anche a coloro che combattono in prima linea l’emergenza sanitaria. Per questo abbiamo stanziato una donazione alla Croce Rossa Italiana, vero presidio di tenacia, cura e speranza che fin dalle prime ore dell’emergenza si è schierata a tutela delle persone nell’intero territorio italiano, e diamo il nostro contributo negli acquisti di materiale sanitario e donazioni da parte dei nostri venditori”