Home Mercato Festool chiude un anno brillante grazie alla fiducia del proprio mercato
Festool chiude un anno brillante grazie alla fiducia del proprio mercato

Festool chiude un anno brillante grazie alla fiducia del proprio mercato

79
0

Nel 2020 e 2021 il mercato degli elettroutensili è cresciuto in modo significativo e con esso il fatturato del noto brand, anche grazie al “passaparola” dell’utilizzatore professionale.

 

Fino dalle origini nel 1925, Festool ha privilegiato l’approccio sull’applicazione rispetto al prodotto con il chiaro obiettivo di fornire utensili intuitivi e sistemi volti a rispondere alle esigenze dei clienti e ad aumentare la profittabilità degli stessi.
Si parla quindi di sistemi studiati per evitare sprechi grazie all’estrema precisione, a tutelare l’investimento grazie alla durata e il basso tasso di riparazione e a proteggere la salute dell’utilizzatore con tecnologie all’avanguardia dal sistema dust-free al KickbackStop, dalla sensibile riduzione delle vibrazioni al SawStop-AIM. Una grande attenzione all’utente professionale che ha consentito al brand di raggiungere un NPS > 80% (Net Promoter Score). Il Net Promoter o Net Promoter Score (acronimo NPS) è infatti lo strumento per valutare la fedeltà in una relazione impresa-cliente, in pratica quanti utilizzatori consigliano il prodotto Festool dopo averlo utilizzato, un’alternativa alla tradizionale ricerca di soddisfazione del cliente e correlata con la crescita dei ricavi.

 

“Un traguardo concreto che rappresenta lo sprone ideale per continuare su questa strada e a fare meglio” sottolineano Federica Gussoni (nella foto), General Manager Festool Italia e Carlo Passarelli, Head of marketing ed E-commerce Festool Italia con cui abbiamo approfondito iniziative e strategie sul punto vendita.

 

Quale fase sta vivendo oggi l’azienda in Italia e in Europa?

Federica Gussoni – Nel 2020 e 2021 il mercato degli elettroutensili è cresciuto in modo significativo e con esso il nostro fatturato. Come la maggior parte delle industrie la carenza di materie prime – soprattutto componenti elettronici – ha rallentato il nostro ciclo produttivo e la distribuzione ai nostri rivenditori: buona occasione per scusarcene e assicurare che presto ritorneremo alla normalità. In Italia stiamo chiudendo un anno brillante grazie alla fiducia dei nostri distributori e clienti. La nostra roadmap per i prossimi anni si riassume in una sola parola: crescita.

 

Quali sono le strategie Festool nel post Covid?

Federica Gussoni – La nostra strategia si basa sia sulla continuità: nel 2019 abbiamo introdotto in Europa un sistema unificato di condizioni che consenta ai nostri distributori una competizione basata sul valore aggiunto e non esclusivamente sul prezzo; sia sull’innovazione: nuovi prodotti cordless per venire incontro alle esigenze di mobilità e semplicità di utilizzo dei nostri clienti.
Tutto questo può sembrare noioso, noi preferiamo chiamarlo coerente.

 

(continua in Ferrutensil di Ottobre)