Home Mercato Attualità Il Gruppo Alois Müller vince il premio come “fabbrica a emissioni zero”
Il Gruppo Alois Müller vince il premio come “fabbrica a emissioni zero”

Il Gruppo Alois Müller vince il premio come “fabbrica a emissioni zero”

21
0

Ogni due anni, lo Stato della Baviera assegna il “Premio bavarese per l’energia” per i risultati eccezionali nel campo dell’energia.

 

Quest’anno il premio Green Factory è andato al Gruppo Alois Müller, azienda innovativa per l’ingegneria energetica e dei servizi per l’edilizia (riscaldamento, ventilazione, sanitari, refrigerazione, elettrica) e per l’impiantistica industriale. La fabbrica verde ha convinto la giuria con un concetto sostenibile ed energeticamente flessibile che può essere implementato anche per altre aziende in Germania.

 

Quest’anno sono state presentate 170 candidature da aziende, istituti di ricerca e organizzazioni per concorrere a premi assegnati in otto diverse categorie: edifici come sistema energetico / concetto di edificio, generazione di energia – elettricità, calore, distribuzione e stoccaggio di energia – elettricità, calore, efficienza energetica nei processi industriali e nella produzione, nonché reti di efficienza energetica, Prodotti e applicazioni, concetti energetici comunali, iniziative / progetti educativi e ricerca energetica.

 

Il 22 ottobre, il ministro bavarese dell’economia, dello sviluppo regionale e dell’energia Hubert Aiwanger ha consegnato al gruppo Alois Müller il premio bavarese per l’energia nella categoria “Distribuzione e stoccaggio dell’energia – Elettricità, calore”.

 

“Siamo molto orgogliosi di questo premio – sottolinea Andreas Müller amministratore delegato – perché le idee per un uso intelligente e responsabile dell’energia sono più importanti che mai. “Fridays for future”, l’accordo di Parigi sul clima o un’eventuale tassa sulla CO2 in Germania: la sostenibilità rimane una questione fondamentale. Eppure il passaggio a una produzione efficiente in termini di risorse e costi non è così complicato come molti sospettano ”.

 

La fabbrica verde dimostra in modo esemplare come la produzione neutra in termini di CO2 può essere ottenuta attraverso energie rinnovabili, reti intelligenti e gestione della domanda. L’edificio per uffici e produzione di 18.000 m², praticamente autosufficiente dal punto di vista energetico, ha convinto la giuria con un concetto sostenibile ed energeticamente flessibile che può essere implementato anche per altre aziende in Germania. L’energia proviene da un impianto fotovoltaico, una centrale termica ed elettrica e un impianto di riscaldamento a pellet alimentato da materie prime rinnovabili. Diversi supporti di memorizzazione compensano le possibili fluttuazioni nella generazione. Per garantire che l’energia generata in modo rispettoso del clima sia utilizzata nel miglior modo possibile, l’intero processo produttivo è orientato alla generazione di elettricità.

 

I vincitori del premio sono stati selezionati da una giuria indipendente di sette esperti energetici di provata esperienza provenienti da varie università bavaresi in un processo di selezione in più fasi.

 

“La nostra Green Factory è finora unica in Germania, ma non deve rimanere tale. Al contrario: il concetto di Green Factory, ovvero la generazione di energia solare, la gestione applicata della domanda, l’accoppiamento settoriale praticato e la rete di alimentazione intelligente interna, la cosiddetta Smart Grid, possono essere adattati per quasi tutte le aziende in Germania “, spiega Andreas Müller, amministratore delegato di Alois Gruppo Müller. E le aziende che vogliono possono visitare la Green Factory personalmente.

 

Un importante prerequisito per una produzione climaticamente neutra è l’analisi di tutti i flussi di materiale ed energia necessari per le fasi di produzione. Un sistema ERP (ERP for Enterprise Resource Planning) viene utilizzato per confrontare la situazione dell’ordine e i dati di produzione con i dati di energia rigenerativa. Le fasi di produzione vengono così adattate alla disponibilità di energia solare.

 

Il ministro bavarese dell’Economia, Hubert Aiwanger, è stato lieto di assegnare nuovamente i premi ai migliori progetti nel 2020: “Vogliamo assegnare premi per nuove idee creative per un uso intelligente e responsabile dell’energia. Il Bavarian Energy Award è un premio di riconoscimento altamente stimato e rinomato per la tecnologia e le applicazioni energetiche all’avanguardia. Onora i risultati eccezionali in Baviera nel campo delle nuove tecnologie energetiche, delle energie rinnovabili e dell’efficienza energetica”.

 

La Green Factory è entrata in funzione nell’estate 2019. Qui il Gruppo Alois Müller produce condotti di ventilazione e componenti impiantistici come sistemi di tubazioni in acciaio e acciaio inossidabile, centri energetici containerizzati e sistemi di moduli energetici. Oltre 250 persone lavorano nei locali nelle aree produttive e amministrative. Il gruppo Alois-Müller gestisce anche una propria stazione di rifornimento elettrica presso la sede di Ungerhausen, disponibile anche per veicoli esterni.