Home Mercato Mezzi per il gardening: mercato in netta crescita, +24,3%
Mezzi per il gardening: mercato in netta crescita, +24,3%

Mezzi per il gardening: mercato in netta crescita, +24,3%

71
0

…ma esplode il problema degli aumenti. Diffusi i dati sulle vendite di macchine e attrezzature per il giardinaggio e la cura del verde. Fatturato 2021 delle industrie italiane previsto a +15% per un valore di quasi un miliardo di euro.

 

Il mercato delle macchine per il giardinaggio e la cura del verde viaggia a gran ritmo. I dati sulle vendite nei primi nove mesi di quest’anno – elaborati da Comagarden/Morgan – indicano una crescita complessiva delle vendite del 24,3%, in netto recupero quindi rispetto al calo dello 0,9% registrato nello stesso periodo 2020. I dati riferiti alle singole tipologie di macchine – presentati nel contesto di EIMA International da Renato Cifarelli, Presidente di Comagarden, l’associazione dei costruttori di settore – consegnano un quadro differenziato: i rasaerba crescono del 19,5%, le tagliasiepi del 18,2%, le motoseghe del 27,3%, i trimmer del 30,4% e i trattorini per giardino del 15,8%. Incrementi più consistenti si hanno per i soffiatori/aspiratori (+42%) e per le motozappatrici che crescono addirittura del 73,6%, mentre l’unica tipologia di mezzo che segna decrementi è quella degli atomizzatori (-38,7%). Da rilevare come, all’interno di ciascuna tipologia di macchina e attrezzatura, i modelli a batteria segnino incrementi molto consistenti (rasaerba +46,5%, soffiatori/aspiratori +49,2%, trimmer +61%), a conferma di come i mezzi elettrici risultino sempre più graditi dal pubblico per la facilità d’uso e la minore rumorosità.

 

La buona performance sul mercato italiano si combina con un momento favorevole anche sui mercati esteri (in Europa le vendite totali risultavano già nel primo semestre dell’anno in crescita del 30%). Questo buon andamento della domanda estera spinge le esportazioni di macchinario italiano verso incrementi consistenti (+23% nel periodo gennaio-luglio secondo i dati ISTAT sul commercio estero, relativamente ai segmenti dei rasaerba e delle motoseghe), così da far crescere anche la produzione, che si prevede a fine anno in attivo del 15,3%, con un valore pari a 980 milioni di euro.

 

“Quello che accomuna il settore del giardinaggio e quello della meccanica agricola – ha osservato Cifarelli – è purtroppo la crisi delle materie prime e della logistica: i materiali ferrosi, necessari per la fabbricazione delle macchine e delle attrezzature per il gardening, sono ormai difficili da reperire se non a prezzi enormemente elevati, il costo dei container è cresciuto del 300%, la bolletta energetica incide in modo sempre più consistente e, al di là della congiuntura, difficilmente potrà tornare ai livelli precedenti”. “Il rischio – ha concluso il presidente dei costruttori – è che l’aumento complessivo dei costi non possa più essere assorbito dall’azienda produttrice e debba essere ricaricato sui listini, anche perché ai costi di produzione si debbono aggiungere quelli per la ricerca e lo sviluppo dei prodotti, che incidono in modo ormai molto consistente sui bilanci aziendali”.