Home Mercato Ripartenza autunnale: Kapriol punta su Proshop
Ripartenza autunnale: Kapriol punta su Proshop

Ripartenza autunnale: Kapriol punta su Proshop

113
0
L’obbiettivo di Kapriol è quello di superare il tradizionale rapporto cliente-fornitore e creare delle partnership durature. Per dare valore e soluzioni alle rivendite.

 

Quasi novant’anni di storia, oltre 4.000 prodotti a catalogo, una presenza diffusa in oltre 40 paesi e un marchio, Kapriol, divenuto nel tempo il riferimento, a livello internazionale, negli utensili, nell’abbigliamento e nei dispositivi di protezione individuale, un brand che copre con i suoi prodotti a 360 gradi le esigenze del settore dell’edilizia.

 

Un traguardo raggiunto grazie all’impegno di Morganti, un’azienda che ha saputo fare del binomio fra innovazione ed esperienza il proprio punto di forza, sempre al fianco di chi lavora in cantiere.

 

Un’azienda che, dopo il periodo di stop obbligato, è riuscita a ripartire con la massima determinazione migliorando il proprio posizionamento nel mercato e sviluppando ulteriormente la distribuzione sul territorio di riferimento con nuove strategie che Stefano Morganti, responsabile Trade Marketing Kapriol e delle strategie di per il canale tradizionale e GDO, identifica nello sviluppo del programma Proshop.

 

 “Per quanto riguarda Kapriol, la nostra strategia attuale è il programma Proshop. L’obbiettivo è quello di superare il tradizionale rapporto cliente-fornitore e creare delle partnership durature. Non vogliamo solamente vendere tanti singoli prodotti, ma valore e soluzioni alle rivendite.

 

Con Proshop, la nostra offerta diventa quindi una soluzione espositiva in scaffalatura brandizzata con ottimizzazione dell’esposizione a scaffale in ottica GDO con una reddittività a mq performante, estetica, e chiavi in mano grazie a un format modulare proposto dai nostri agenti alla rivendita.

 

Stiamo cercando di spostate l’attenzione del cliente dal singolo prodotto all’offerta completa in modo da traferire più valore al punto vendita.”