Home Mercato Vimar, il nuovo polo logistico ha il cuore verde
Vimar, il nuovo polo logistico ha il cuore verde

Vimar, il nuovo polo logistico ha il cuore verde

89
0

Il nuovo polo logistico e produttivo di Vimar è stato progettato in base ai più avanzati criteri di sostenibilità ambientale, grazie a giardini verticali e al tetto verde.

 

Il nuovo polo logistico e produttivo di Vimar, che sarà completato nel corso del 2019 con la costruzione di un edificio dedicato a uffici direzionali e di un’importante area produttiva, è stato progettato in base ai più avanzati criteri di sostenibilità ambientale, grazie a giardini verticali e al tetto verde: una soluzione green che offre un maggior isolamento termico. (segui l’evoluzione del cantiere nel  video)

 

Il tutto gestito da una piattaforma improntata alla logica dello Smart Metering che, attraverso un sofisticato sistema di sensori permette di acquisire, analizzare e gestire in tempo reale i dati energetici, ottimizzando così l’utilizzo degli impianti e riducendo i consumi del 10%.

 

L’ambizioso progetto che coinvolge un’area complessiva di 70.000 metri quadri, dei quali 46.000 di superfice calpestabile, 22.000 di magazzino coperto, 3.300 di parcheggi pubblici e oltre 7.000 di spazi verdi in parte dedicati anche alla cittadinanza, con parco giochi per i bambini.

 

Realizzato in poco più di un anno, interamente automatizzato con le più moderne tecnologie logistiche e con la capacità di gestire fino a 120.000 casse (grazie a un mini load e a ben 1.460 metri di rulliere) il nuovo magazzino rappresenta il completamento della prima fase di costruzione del più ampio polo logistico e produttivo.

 

L’approvvigionamento energetico dell’intero complesso avviene con un importante contributo fonti rinnovabili. Un impianto fotovoltaico (composto da 2.442 moduli ad alta efficienza posizionati sulla copertura e da 14 generatori) consente una produzione annua di 800.000 kWh, pari al consumo di oltre 200 nuclei famigliari di quattro persone, interamente dedicata a fini produttivi. Per la climatizzazione invernale ed estiva dei luoghi di lavoro è invece stato installato un impianto geotermico, abbinato a 48.000 metri quadri di pavimento radiante, che permette un risparmio di energia primaria pari al 40%.

 

Per sfruttare al massimo la luce naturale le pareti perimetrali sono dotate di grandi tagli verticali vetrati e la copertura di numerosi lucernai. Tutti i vetri utilizzati sono inoltre basso emissivi per ridurre al massimo la dispersione del calore verso l’esterno. Anche le soluzioni per l’illuminazione, che utilizzano esclusivamente tecnologia a LED, sono state dettate da scelte all’avanguardia che coniugano requisiti prestazionali, risparmio energetico e comfort ambientale.

 

Un occhio di riguardo anche alla mobilità sostenibile. L’area parcheggi è infatti dotata di colonnine per la ricarica delle automobili elettriche che compongono il parco auto di Vimar.

 

Alessandra Fraschini Giornalista professionista specializzata nel canale ferramenta tradizionale e analisi della filiera lunga. Collabora con testate leader e con enti fiera internazionali. È autrice del volume "I protagonisti della ferramenta italiana. Il mondo grossista negli ultimi cent’anni".